Sez. 5 – Ordinanza n. 3403 del 06/02/2019

ACCERTAMENTO

Sez. 5 –  Ordinanza n. 3403 del 06/02/2019

ACCERTAMENTO SINTETICO – Applicabilità della presunzione “iuris tantum” di cui all’art. 38, comma 5, d.P.R. n. 600 del 1973 nel testo antecedente al d.l. n. 78 del 2010 – Possibilità per il contribuente di fornire la prova contraria

In tema di accertamento con metodo cd. sintetico, può trovare applicazione l’art. 38, comma 5, del d.P.R. n. 600 del 1973 (nel testo antecedente alla modifica apportata dall’art. 22 del d.l. n. 78 del 2010, conv. in l. n. 122 del 2010) che costituisce  una presunzione “iuris tantum” di favore per il contribuente, sicchè la spesa per incrementi patrimoniali rilevata dall’Ufficio può ritenersi sostenuta con i redditi percepiti nell’anno in cui è effettuata, ma anche, in misura costante, a partire dai cinque anni precedenti, in misura costante, potendo  però il contribuente fornire la prova che il maggior reddito è costituito, in tutto o in parte, da redditi esenti o soggetti a ritenuta alla fonte a titolo d’imposta.

Link per la sentenza

Massime precedenti conformi 

Massime precedenti difformi 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi