Sez. 5 – , Ordinanza n. 4045 del 12/02/2019

IMPOSTE INDIRETTE

Sez. 5 – , Ordinanza n. 4045 del 12/02/2019

 

IVA -Cessione intracomunitaria –Vendita con clausola “franco fabbrica” – Diritto all’esenzione –   Onere probatorio a carico del cedente

In tema di cessioni intracomunitarie,  in caso di vendita con clausola “franco fabbrica” il cedente, ai fini del’esenzione dell’IVA, è tenuto a dimostrare l’effettività dell’esportazione della merce nel territorio dello Stato nel quale risiede il cessionario o, in mancanza, di fornire adeguata prova della propria buona fede, ossia di aver adottato tutte le misure che si possono ragionevolmente richiedere, per non essere coinvolto in un’evasione fiscale avendo riguardo alle circostanze del caso concreto. Ne consegue che deve fornire la prova documentale dell’effettiva dislocazione della merce nel territorio dello Stato membro di destinazione, nonché di altri fatti (“secondari”), dai quali desumere la presenza delle merci in un territorio diverso dallo Stato di residenza, ovvero, nelle situazioni in cui la documentazione sia in possesso di terzi non collaboranti e non sia acquisibile da altri soggetti, di aver espressamente preso accordi, nei contratti stipulati con vettore, spedizioniere e cessionario, sull’obbligo di consegna del documento e, laddove si sia verificato un inadempimento, di aver esperito anche ogni utile iniziativa giudiziaria.

 

Link per la sentenza

Massime precedenti conformi

Massime precedenti difformi 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi