Sez. 5 – , Ordinanza n. 3409 del 06/02/2019

IMPOSTE INDIRETTE

Sez. 5 – , Ordinanza n. 3409 del 06/02/2019

 

REGISTRO – Rendita catastale attribuita provvisoriamente a seguito di procedura DOCFA – Meccanismo del cd. “prezzo-valore” – Operatività – Erronea indicazione nell’atto di trasferimento del valore catastale – Conseguenze.

In tema di imposte di registro, ipotecarie e catastali, con riferimento ad immobili con attribuzione di rendita proposta con la procedura DOCFA, in ipotesi di vendita di un immobile provvisto di rendita catastale “proposta”, il contribuente può̀ chiedere l’applicazione del regime di determinazione dell’imponibile basato sul criterio del cd. “prezzo-valore”, di cui all’art. 52, commi 4 e 5, del d.P.R. n. 131 del 1986 – incentrato sul presupposto che l’immobile sia fornito di una rendita – e la relativa istanza deve intendersi quale richiesta di attribuzione della rendita catastale, ai fini della valutazione automatica di cui al detto art. 52, comma 4,del d.P.R. citato. La circostanza che nell’atto di cessione del bene si faccia richiesta di applicazione del meccanismo del “prezzo –valore” deve intendersi essa stessa quale richiesta di attribuzione della rendita catastale (che diverrà) definitiva. Essendo il valore catastale definitivo “base imponibile”, l’ufficio dovrà riscuotere unicamente l’imposta calcolata sulla differenza tra il valore originariamente tassato e quello successivamente determinato, con i relativi interessi, senza penalità, e soprattutto senza che rilevi il maggiore corrispettivo pattuito o valore reale dichiarato.

 

Link per la sentenza

Massime precedenti conformi  

Massime precedenti difformi 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi